QB 4all

Perchè una città, i suoi luoghi, i suoi servizi e le sue iniziative siano ugualmente accessibili a tutte le persone serve la conoscenza che tutte le persone sono diverse: alti, bassi, bambine e bambini in carrozzina o incerti nei primi passi, adulti in carrozzina, con i bastoni, senza una gamba, fortissimi, deboli, che non sentono, non vedono, che vedono lontanissimo, mancini, che non distinguono i colori, che corrono veloci o camminano piano piano…
L’impegno dell’Associazione Festival per le Città Accessibili è che questa conoscenza diventi consapevolezza perché ciascuno può essere “portatore” di inclusione e solo con l’impegno di tutti la città diventa laboratorio, strumento e manifesto di inclusione.

È stato un caso incontrare Giorgia per un progetto che stiamo condividendo e attraverso lei Filippo, il giovane priore del Badia impegnato con i suoi quintanari a spendere la passione per Foligno oltre le mura della taverna.
Il “progetto” quasi si è scritto da solo e se promuovere la città, conoscerla e farla conoscere era il primo passo già intrapreso dal Badia, farla conoscere a tutti, attraverso tutti i sensi, tutti i linguaggi, competenze e capacità relazionali diverse è il passo successivo che stiamo provando a fare insieme.
Il 9 giugno Inizieremo a conoscere il centro storico con una guida turistica e una interprete LIS perché le parole, oltre la voce e le convenzioni, possono davvero “di-segnare” la Foligno per tutti e di tutti.

http://www.umbriacronaca.it/2019/06/05/quintana-visita-culturale-guidata-con-un-interprete-lis/

https://www.folignooggi.it/quintana/rione-badia-la-prima-visita-culturale-guidata-con-un-interprete-lis-18856/?fbclid=IwAR2Bzi6YU2msGA_5HLdm_xIuv-Xeqw2HeuGV7G9gr_dWGaKrGEefy4sqBbA

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Login

Lost your password?