RICORRENZE

Ieri, 14 febbraio S. Valentino, era stata programmata la prima convocazione ufficiale del Tavolo per l’Accessibilità istituito da Comune di Foligno (PG)
Qualche giorno fa ricevuta la notizia la prima considerazione, data la concomitante ricorrenza, è che la città si fosse davvero innamorata dell’accessibilità.
La storia vuole che la data sia stata spostata al 22: mettiamola giù così, magari sarebbe stato carino ma gli amori quelli veri non vivono solo il 14 febbraio (vi aggiorneremo).

Ed è un amore vero che “supera barriere e ostacoli” come canta Felice Pantone cantastorie ufficiale per le città accessibili (link), quello tra Hélène e Laurence, persone lesbiche e disabili.
“Cerveaux mouillés d’orage” è il lugometraggio realizzato da Karine Lhémon, che le ha incontrate e non ha resistito alla forza che insieme riuscivano a trasmettere. Nelle immagini scorre la “straordinaria” quotidianità famigliare, come leggiamo su west-info (link), fatta di “giardinaggio, desiderio di autonomia, ostacoli, risate e complicità contro la “tirannia delle apparenze”.

Cercando cioè di combattere qualunque stereotipo e forma di esclusione e restituendo allo spettatore, con grande sensibilità e onestà, l’immagine di due persone disabili, omosessuali e innamorate” (link).

E se per S. Valentino (ormai il prossimo) avete in mente una serata in un Pub, forse ci sta che nella loro patria ne troverete di accessibili a tutti. A cura della British Beer & Pub Association una guida che indica i “6 “passi” verso l’accessibilità che questi locali possono compiere se vogliono diventare davvero per tutti.


Leggiamo ancora sulla guida, “I pub sono la casa dell’ospitalità e continuano a svolgere un ruolo fondamentale nelle comunità locali di tutto il paese… Sebbene la maggior parte siano piccoli locali e a volte con vincoli storici, un numero sempre crescente di locali stanno cercando di rendersi accessibili, tramite aggiustamenti spesso creativi e innovativi… non si tratta solo di un impegno socialmente dovuto, ma anche economicamente fruttuoso…(link)

Accessibile anche “quel filo di trucco” magari prima della serata al Pub, con il corso di “self make-up” organizzato a Savona dalla truccatrice Marzia Pistacchio per donne (ma magari non solo) non vedenti e ipovedenti che si è svolto nella giornata di sabato 11 febbraio (link).

Vanno moltiplicandosi, ed è una buona cosa, le iniziative per il supporto delle persone con disabilità nelle situazioni di emergenza. Se a dicembre l’appuntamento è stato ad Ascoli Piceno con “Emergenza e fragilità” (link),  il 4 Febbraio è iniziato un corso che coinvolge direttamente persone disabili, già presentato al convegno “Abili a Proteggere” presso la sala Consiliare del Comune di Pescara (link).

       
Nel pomeriggio di sabato 11 febbraio, presso la sala convegni dell’Istituto Carlo Forti di Teramo, è stato invece il secondo appuntamento di FormAbili, seminario formativo sulla disabilità in emergenza per volontari di Protezione Civile organizzato da Anpas Abruzzo con il patrocinio del Sottosegretariato di Protezione Civile Regione Abruzzo e della Provincia di Teramo in collaborazione con l’Università e il Comando dei Vigili del Fuoco (link).
Specificatamente nell’ottica della protezione, sempre in situazione di emergenza, delle persone con autismo, l’appuntamento a Treviso. È stato il 9 febbraio: “Una formazione adeguata e la conoscenza dei disturbi dello spettro autistico può aiutare coloro i quali sono deputati a garantire la sicurezza e a gestire situazioni di pericolo a fronteggiare l’emergenza nel modo più efficace possibile”. Promosso dalla Fondazione Oltre il Labirinto-Per l’Autismo è rivolto al locale Corpo dei Vigili del Fuoco (link).
E per ritornare al tema delle ricorrenze, la giornata mondiale per la consapevolezza e la sensibilizzazione sull’autismo sarà il 2 aprile, ma prima, il 21 febbraio, è la volta della giornata nazionale del Braille.

A noi che i libri oltre che leggerli piace sfogliarli, toccarli e odorarli, pur senza dimenticare software e hardware di audiolettura e riconoscimento di testi e persino immagini, ci associamo al pensiero di Mario Barbuto, presidente nazionale dell’UICI (Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti):
«Inventato a Parigi quasi duecento anni fa, il sistema Braille ha rappresentato e ancora oggi rappresenta per tutti i ciechi nel mondo la vera opportunità per respingere lo spettro dell’analfabetismo e per fruire, al pari degli altri cittadini, dell’istruzione, della cultura, dell’informazione. La modernità e l’efficacia del sistema, se mai ve ne fosse ancora bisogno, sono ulteriormente dimostrate dall’impiego sempre più ampio del Braille nell’ambito delle tecnologie informatiche e digitali, dove oggi viene addirittura integrato sotto forma di tastiera virtuale, come mezzo di scrittura touchscreen» (link).

Tanto per essere pragmatici nell’immagine a seguire la nostra stampante Braille che oltre le nostre pubblicazioni è con piacere a disposizione di chi ne dovesse fare richiesta…

E mentre da qui sembrerebbe che non occorre essere ciechi per non vedere con chiarezza tra i nostri politici, in Francia, in vista appunto delle elezioni, la APF (Associazione paralizzati di Francia) lancia un sondaggio rivolto espressamente alle persone con disabilità: “il tema della disabilità occupa un posto abbastanza importante nella campagna elettorale per le elezioni presidenziali? Sei registrato nelle liste? Chi vuoi votare? Conosci la politica sull’handicap del tuo candidato?

I risultati saranno resi pubblici a marzo, a un mese del primo turno… con la speranza che possano anche influenzare i contenuti dei programmi dei candidati e del futuro presidente (link).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Login

Lost your password?